Dott.ssa Chiara Dissegna – [email protected]

da medicaline.it

 

Il trattamento è sempre stato per tradizione quello chirurgico, con l’asportazione di utero e ovaie, anche se in certi casi le pazienti sono in condizioni così critiche da non poter sopportare un intervento.

Il trattamento medico si attua con sostanze atte a promuovere l’espulsione del pus dall’utero, in combinazione con la somministrazione di antibiotici.

La scelta tra i due metodi si basa su una serie di caratteristiche:

– terapia chirurgica: consigliata in caso di cervice chiusa, femmine anziane, presenza di sintomi sistemici, presenza di iperplasia enodmetriale cistica

– terapia medica: femmine giovani, in buone condizioni generali, cervice aperta, predisposizone ad effetti collaterali per la sterilizzazione o l’anestesia, assenza di iperplasia endometriale cistica